Sun 7 Sep 2003

DjSad.jpg

Davide: “Una festa pazzesca. Villone con giardino, tonnellate di gente, alcool a litri, canne che volavano come frisbee!”
Stella: “Musica?”
Davide: “DJ Sad. Mai sentito prima. A guardarlo non gli davi 5 centesimi: anzianotto, coi baffi, sembrava il classico impiegato. E invece ha messo sul piatto una selezione lounge tost…”
Io: “DJ Sad? Che cazzo di nome e’?”
Davide: “E DJ Shadow, allora? Sono nomi di DJ…”
Io: “Si’, vabbe’… E poi musica lounge: sai che palle…”
Fabiana (annoiata, rivolgendosi al gestore del bar): “Don, mi porti un’altra Becks?”
Davide: “Anche a me!”
Io: “A me una Ceres.”
Davide: “Per non parlare della gente: a un certo punto ero seduto su un divano con Fabiana, e vicino a noi c’era questo tipo che strappava uno ad uno i peli dalla schiena di un altro tipo, e ad ogni pelo strappato il tipo faceva un lamento del genere ‘Uhiiiii!’. Hanno continuato cosi’ per non so quanto.”
Stella: “Un vero spasso.”
Io (guardando Stella): “Non che noi ci siamo divertiti di piu’, in quel cazzo di locale. Una consumazione 7 euro…”
Stella: “Potevi andare alla festa. Mica eri obbligato a venire con me.”
Io: …
Fabiana: “Che locale?”
Io (continuando a guardare Stella): “Il Tunnel.”
Fabiana: “Il Tunnel ha rotto il cazzo.”
Davide: “Al Tunnel ormai vanno solo gli sfigati.”
Io: “Mentre la gente fica va a farsi strappare i peli della schiena nelle feste giuste, eh?”
Fabiana: “Almeno li’ si beveva gratis.”
Stella (alzandosi): “Io vado a casa.”
Io (alzandomi a mia volta): “Ti accompagno.”
Stella: “Non c’e’ bisogno, rimani qui. E poi hai ordinato una birra.”
Io: “Ti chiamo per stasera?”
Stella: “Non so se ho voglia di uscire, sono stanca. Nel caso ti chiamo io.”
Io: …
Fabiana: “Ciao, Stella”
Davide: “Non sparire.”
Don (col vassoio di birre): “La Ceres?”
Stella (indicando me): “Sua. Allora ciao, ci si vede.”
Io: “Ciao.”
Davide: …
Fabiana: …

(il tempo di bere la Ceres)

Io: “Mi sa che vado anch’io. Vi lascio i soldi della birra.”
Davide: “Lascia stare, offriamo noi. A stasera?”
Io (sforzandomi di sorridere): “Ok, a stasera.”



This entry was posted on Sunday, September 7th, 2003 at 05:37. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Comments are closed.


7ads6x98y